Sono passati due anni e siamo ancora senza il registro per le DAT

Torno a parlare di Registro per il Testamento Biologico, e lo faccio oggi, 25 marzo 2016, quando sono precisi due anni che la Giunta Provinciale (mandato 2009/2014) ha approvato la delibera n. 58/2014 con la quale si dava mandato:

al Dirigente del Settore Affari Istituzionali e Promozione del Territorio di provvedere […] alla costituzione del gruppo di lavoro per la predisposizione dei seguenti documenti:

  • Linee Guida che definiscono le procedure necessarie per la registrazione delle DAT , per la loro conservazione e per garantire la loro effettiva disponibilità di utilizzo al momento dell’insorgere delle relative condizioni di applicabilità;
  • Opuscolo informativo;
  • Modello di Dichiarazione di Volontà Anticipata per i trattamenti sanitari;
  • Glossario dei termini utilizzati;
  • Relazione sulle eventuali modalità telematiche di compilazione, presentazione e conservazione delle D.A.T.;

La delibera era conseguente a quella approvata dal Consiglio Provinciale il 18 ottobre 2013. Quindi un atto dell’organo elettivo.

Ebbene dopo due (2) anni ancora non si è visto niente. Vero che nel frattempo le funzioni delle provincie sono cambiate, vero che i quattrini a disposizione degli enti locali son sempre meno, ma qui si trattava (e si tratta) di istituire un registro senza nessun aggravio di costi per la Pubblica Amministrazione. Qui si tratta soltanto di avere la volontà politica di farlo. Così come la si è avuta per il protocollo di intesa approvato ieri, 24 marzo 2016, che ha coinvolto la Ausl 7, Aido e tutti i 36 Comuni senesi per l’istituzione di un registro per la raccolta di volontà per la donazione degli organi. Per questo a dare l’incipit fu l’allora Sindaco di Chiusi Stefano Scaramelli; per la richiesta di istituire il registro per le DAT (Dichiarazioni Anticipate di Trattamento – cd. Testamento Biologico) presso l’Amministrazione Provinciale di Siena fu lo scrivente che presentò specifica mozione nel Consiglio Provinciale di allora. Con evidenti risultati diversi.

In questi due anni non ho mancato di punzecchiare chi di dovere ma senza risultati tangibili. Vediamo se oggi, con questo mio post succede qualcosa.

 

Annunci

Autore: antonio giudilli

Antonio Giudilli ha 47 anni. Vive a Vagliagli, nel comune di Castelnuovo Berardenga. Lavora all'Università di Siena presso il Centro Servizi CUTVAP.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...