Pensarla diversamente dal PD

Il recente comunicato del PD senese che spinge i partiti della coalizione di centrosinistra a darsi una mossa, contiene qualche (poco velato) riferimento al partito al quale mi onoro di appartenere. Ad un certo punto il comunicato dice:

“Le forze che si candidano a governare Siena devono anteporre il senso di appartenenza alla città, alle visioni particolari, perché saranno chiamate a tutelare un’intera comunità e i suoi ‘tesori’ come la Fondazione Mps, l’Università, la Banca, l’Ospedale, il Santa Maria della Scala, i beni culturali e ambientali”.

Non mi pare che la città sia stata in grado, negli anni passati, di tutelare un’intera comunità e i suoi tesori come la FMPS, l’Università, la Banca, l’Ospedale, il SMS, i beni culturali e ambientali date le attuali condizioni in cui versano Siena e i suoi tesori. La richiesta di IDV di imprimere un netto cambio di passo all’azione politica e alla gestione della cosa pubblica in questa città, non è quindi balzana, ma risponde ad una precisa esigenza che è il frutto dell’onestà intellettuale che contraddistingue un partito come il nostro.

Il comunicato poi continua facendo riferimento alla Fondazione MPS:

Iniziative ‘spericolate’ come l’ ipotesi di cambiamento dello Statuto della Fondazione Mps, che esigerebbe l’approvazione del Ministero del Tesoro riaprendo lo scrigno inviolabile della sua autonomia, non possono diventare obiettivi programmatici né far parte del modo di essere di una classe dirigente nei confronti della propria città.”

Per rispondere a questa affermazione rimando ai documenti scaturiti dalla conferenza/dibattito dello scorso 11 giugno alla presenza del Sen. Elio Lannutti (IDV) nonchè Presidente dell’Associazione difesa consumatori ed utenti bancari, finanziari ed assicurativi (ADUSBEF).

Il rischio della perdita della senesità della banca, va semmai ravvisato nel fattore “C”, (C come Caltagirone, cosa avete pensato?) il quale potrebbe vedere rafforzato la sua presenza a Siena oltre che per una probabile scalata azionaria, anche e soprattutto grazie all’UDC del genero Casini, che si appresta a fare l’alleanza con le Liste Civiche e con l’API di Pieluigi Piccini. E’ di questo che si deve preoccupare il PD locale: di come impedire la perdita delle elezioni (e quindi della città) e non di bacchettare i suoi alleati indisciplinati seriamente preoccupati per la sistuazione contingente. Nel documento che abbiamo presentato al tavolo del centro sinistra diciamo chiaramente cosa vogliamo per Siena, basta leggerlo.

considerazioni sullo statuto della fondazione

considerazioni sui rapporti tra fondazione e banca

considerazioni sul sistema dei compensi

Il programma del centro sinistra secondo IDV

Annunci

Autore: antonio giudilli

Antonio Giudilli ha 47 anni. Vive a Vagliagli, nel comune di Castelnuovo Berardenga. Lavora all'Università di Siena presso il Centro Servizi CUTVAP.

1 thought on “Pensarla diversamente dal PD”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...