Lasciamoli in pace

Di cose che non mi tornano nella versione dei fatti sull’uccisione di Matteo Miotto in Afghanistan ce ne sono molte. Inizialmente ci hanno raccontato che è stato vittima di un cecchino durante un turno di guardia, una novità che  lasciava intendere che ci fossero tiratori specializzati tra i guerriglieri configurando perciò un elemento di preoccupazione sugli sviluppi del conflitto afgano, ora ci raccontano che il soldato è morto durante un conflitto a fuoco, cosa che se fosse vera sarebbe ancora più preoccupante.

In ogni caso ancora una volta il Governo non ci sta facendo una bella figura, confermando ancora una volta la propria inadeguatezza nella gestione di  fatti che ci vedono (purtroppo come in questo caso)  protagonisti sullo scenario internazionale. Forse ci vogliono nascondere che laggiù si combatte e che c’è una vera e propria guerra, in contrasto quindi con la “missione di pace”, ma che ci continuino a prendere in giro per una guerra che solo noi chiamiamo pace, ormai è diventato inaccettabile.

Lasciamoli in pace questi afgani e andiamocene via.

Annunci

Autore: antonio giudilli

Antonio Giudilli ha 47 anni. Vive a Vagliagli, nel comune di Castelnuovo Berardenga. Lavora all'Università di Siena presso il Centro Servizi CUTVAP.

1 thought on “Lasciamoli in pace”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...