Come se

Spesso si sente dire da Berlusconi che la sinistra non è stata in grado di risolvere i problemi che hanno afflitto l’Italia negli ultimi anni. Parla come se in questi anni fosse stato sempre all’opposizione, come se non fosse tra i responsabili dello (s)fascio a cui siamo giunti, come se fosse l’uomo nuovo della politica italiana. Lui parla come se. D’altronde anche le sue televisioni ci hanno abituato a vedere le cose non come sono ma “come se”. Piano piano e un po’ alla volta, dagli anni ottanta fino ad oggi, la televisione (tutta, anche quella pubblica) ci ha plasmato e ci ha reso incapaci di essere critici, di essere una FORZA in grado di affrontare con dignità l’evolvere degli eventi. Ormai ne sono certo: un popolo che accetta 6.000 soldati nelle piazze ne accetterà 12.000 e poi 50.000. Un popolo che di fronte ai primi segnali di smantellamento del corpo di polizia (tre miliardi di euro di tagli questo sono), risponde che si sente più sicuro in virtù di qualche soldato tra le vie della città, è un popolo che ha perso il senso stesso dello Stato e che è PRONTO a farsi fare del male.

Annunci

Autore: antonio giudilli

Antonio Giudilli ha 47 anni. Vive a Vagliagli, nel comune di Castelnuovo Berardenga. Lavora all'Università di Siena presso il Centro Servizi CUTVAP.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...