Decrescita economica ma felice

Caro Falcone, da quanto percepisco leggendo il suo commento per Lei progresso vuol dire crescita continua dei consumi e delle infrastrutture.
Per me invece vuol dire sviluppo culturale, scientifico, spirituale, perseguibile anche al di fuori di uno sviluppo dei consumi materiali o, peggio ancora, di beni superflui ed energivori.

Mi spiego meglio.

Ha mai sentito parlare di decrescita economica?

Il benessere attualmente è misurato in base al PIL prodotto da un paese. Ma non sempre ciò che fa parte del PIL, produce benessere. Mi spiego meglio: se io e Lei siamo in coda in mezzo al traffico e bruciando benzina inquiniamo, per assurdo stiamo producendo benessere. Come mai? Perché consumiamo carburante, il quale è un prodotto di consumo che è una voce del PIL. Un altro esempio: se il lavoro di casa è svolto da me o da mia moglie non è PIL, se lo stesso lavoro è svolto da una colf, allora è PIL. Se lo Yogurt lo faccio io non è PIL, se lo compro allora è PIL.

Lei che è un uomo di banca conosce bene l’argomento, e non Le voglio insegnare niente.

Con questo cosa voglio dire? Che il progresso non è produrre a tutti i costi, non è fare in modo che le merci arrivino più velocemente in Europa. Lo sa quanti Km fa uno Yogurt prima di arrivare sulla nostra tavola? 1.200!

Ogni giorno, TIR carichi di carta igienica prodotti in Italia, vanno in Francia e TIR pieni di carta igienica prodotta in Francia, vengono in Italia! Non è meglio che ognuno si tiene la carta igienica che produce e così stiamo tutti meglio?

Quello che serve oggi è ripensare il commercio, e bisogna farlo ora perché siamo ancora in tempo: Le ricordo che viviamo in un mondo finito, con risorse limitate. Ci vorrebbe una pausa caffè del mondo. Davanti ad un buon caffè si prendono sempre buone decisioni.

Io vivo in Toscana e qui la TAV ci è già passata, nel senso che ci stanno lavorando. Attualmente nel Mugello ci sono 24 corsi d’acqua danneggiati, alcuni torrenti si sono totalmente prosciugati in seguito all’ostruzione delle sorgenti dovuto al passaggio delle gallerie. 570 litri di acqua al secondo. Questo solo per fare un esempio.

Quello che hanno fatto i politici in passato, di qualunque colore essi siano non conta, serve solo a distogliere la questione. Lunardi ha semplicemente detto: “piatto ricco mi ci ficco” quando è stato eletto la TAV era già cosa fatta.

Saluti a tutti, compresa la simpatica redazione di Mattinata.it.
In risposta a:
Giovanni

Annunci

Autore: antonio giudilli

Antonio Giudilli ha 47 anni. Vive a Vagliagli, nel comune di Castelnuovo Berardenga. Lavora all'Università di Siena presso il Centro Servizi CUTVAP.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...