Finestre sul mondo

Leggendo gli interventi della sezione Lettere & opinioni di mattinatesi.it sito, noto che la maggior parte di essi riguardano il dibattito politico.

Capisco che l’ultima campagna elettorale è stata parecchio infuocata e se qualche fuocherello stenta a spegnersi è comprensibile.
Penso però che sia giunto il momento di mettere da parte i rancori e le ideologie e iniziare a pensare quelli che potrebbero essere le soluzioni ai problemi di Mattinata.

Qualcuno mi ha fatto notare che i politici locali non ascolteranno le proposte che auspico saranno lanciate, perché troppo impegnati a pensare ai fatti loro. Io credo invece che il tentativo vada fatto. Il futuro di Mattinata comincia ora.
Se comprendiamo questo allora tutto quello che è stato detto in campagna elettorale può avere un senso.

Come ho avuto modo di dire in questa finestra, alcune cose dette nei comizi di piazza sembravano la lettura di discorsi scritti 20 anni fa. Negli ultimi venti anni in qualcosa abbiamo sbagliato: eravamo la perla del Gargano, siamo diventati lo zircone. Avevamo un gap rilevante di vantaggio nei confronti degli altri paesi del promontorio, ora lo abbiamo di svantaggio!

Nei primi anni novanta quando i senesi trentenni e quarantenni mi chiedevano di dove ero bastava in molti casi che gli dicessi «sono di Mattinata» e loro capivano. C’erano stati. Negli anni settanta-ottanta!
Oggi, continuano a chiedermelo – l’accento anche se minimo mi è rimasto – e la tristezza è che non basta più dire «sono di Mattinata», ci devo aggiungere: «vicino Vieste, Peschici, Gargano».
Sapete perché?
I trentenni e i quarantenni attuali, negli anni ottanta-novanta, a Mattinata non ci sono venuti. Per non parlare dei ventenni!

Iniziamo a discutere di questo! Cosa è successo (o non) nel frattempo?

Credo si possa ritenere senza presunzione, che Mattinata abbia le potenzialità per essere un punto di riferimento per il turismo nel Gargano e nella Puglia.

Non sottovaluterei inoltre il fattore gallerie per Vieste. Quest’estate è importante per fare il test.
Se non ci diamo una svegliata nemmeno il turismo giornaliero mordi e fuggi ci rimarrà.

Buona giornata!

Segui la discussione

Annunci

Autore: antonio giudilli

Antonio Giudilli ha 47 anni. Vive a Vagliagli, nel comune di Castelnuovo Berardenga. Lavora all'Università di Siena presso il Centro Servizi CUTVAP.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...